top of page

ℙ𝕖𝕔𝕔𝕒𝕥𝕠




La consegna


Scegliete uno fra i sette peccati capitali e scrivete un breve racconto o una poesia.



Efed (@the_efed)


Peccato: Ingordigia


Goga Gola


Questo scoglio mi ricorda una montagna di panna, gnhgnhgnh

Inaspettatamente densa.

Che poi spesso mi domando se è soltanto panna o c'è anche un po' di ricotta per renderla così inaspettatamente densa, gnhgnhgnh. Dovrei assaggiarne altra.

Questo mare bruno è come una bevanda dolciastra che vorrei bere fino a crepare o meglio, fino ad aver nuovamente fame. aaaaaah...

Il rumore delle suole delle mie scarpe sull'asfalto è croccante, come un trancio di focaccia ben cotta.... creckcreckcreck... Ne vorrei assaggiare un paio, appena sfornate, almeno finché non mi ritorna la sete dolciastra, o la voglia di panna. 

Forse serve dell'alcool, il rumore dell'onde mi ricorda lo scassare del ghiaccio all interno del Boston, shakashakakakakashaaaaa... 2 foglie di menta al posto dell'alghe, 3 dita di segale americana, una bella fettina d‘arancia, magari due... splam! e naturalmente tanta dolcissima acqua di Mar Mediterraneo!

Ora, whuuuuu... in questa nera tovaglia piena di briciole, sono pronto per cenare, dentro al soffice piatto lunare che appare più unto e fragrante del pasto stesso.

Gola, gola.

Goga Gola!




Elena (@lamentecarta)


Peccato: Invidia


CAPELLI OSSIGENATI


allineate e controverse

avanzavamo in età diverse


avversarie in amicizia

avversa alla giustizia


sentimenti di violenza

cedimenti e decadenza


di copiarti l’ho negato

condiviso è il passato


spiata dalla fessura

ti pensavo con tortura


per una che si espone

l’altra terrà ragione




Igor (@gribyslab) 


Peccato: Superbia


Ottimo


Non c'è nessuno al di sopra di me

Non l'hai mai detto

ma chissà quante volte l'hai pensato.


Ogni volta che insegnavi qualcosa a qualcuno,

ogni volta che qualcuno si complimentava con te.


Accusavi le persone di essere presuntuose,

"questi giovani coltivano l'ego al posto dei loro mestieri" dicevi.

E poi tutti si scontravano e perivano appena toccavano il tuo.


La superbia ha il sapore della furbizia,

e alla lunga ti vizia.


Ma se sei all'apice dei tuoi settori,

dove sono i tuoi ammiratori?




Stefano (@Stefano Andreotti)


Peccato: Superbia


Il superbo si ingegna con atteggiamenti e parole

a cercar d’esser degno di occupare l’invisibile piedistallo

da cui grida la propria superiorità.

 

E dall’alto getta occhiate di disprezzo,

come sassi lanciati per rallentare il cammino di chi segue

a mettere quanta più possibile distanza tra sé e i simili suoi.

 

In equilibrio sospeso tra i rami di un albero ormai morto,

immemore del rispetto altrui,

l’orizzonte fissa senza che il suo sguardo si posi

ed il cuore possa mai trova pace.




Silvia (@rougewine)


Peccato: Lussuria


Chiudo gli occhi 

perché non voglio vedere le mie debolezze

ma a volte cado in preda al panico

perché la lussuria mi rapisce

e nonostante il sesso non debba essere represso

sto male,

male da morire

perché non ho limiti;

perché la passione mi danneggia 

sia quando è eccessivamente compressa

sia quando la scateno senza limiti.





𝐷𝜇𝜌𝑙𝜀𝜘 𝜌𝜎𝜀𝜏𝜄𝑐𝛼


15 aprile 2024 - 13 maggio 2024

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

𝟛

Commentaires


bottom of page